Ultima modifica: 9 Giugno 2020
Istituto Comprensivo G. Paccini - Sovico > News > Didattica a distanza…quale bilancio?

Didattica a distanza…quale bilancio?

Riflessioni sulla didattica a distanza che ha interessato questo secondo quadrimestre

Ad anno scolastico finito è anche tempo di bilanci e la didattica a distanza necessariamente finirà sotto i riflettori. In attesa di sapere chiaramente come si organizzerà il prossimo anno scolastico proviamo a riflettere insieme!

Ogni realtà formativa è stata chiamata ad attivare questa forma di insegnamento.

Didattica a distanza

Tipo di formazione ed insegnamento nel quale viene meno la condivisione di uno spazio e l’interazione fisica tra docente e studenti…tutto è mediato dall’utilizzo di mezzi tecnologici.
Gli strumenti dei quali avvalersi sono però differenti. Può avvenire 1) in asincrono attraverso l’invio di registrazione audio o video di lezioni, di materiali di vario genere che restano a disposizione degli studenti, attraverso la richiesta di compiti ed attività da restituire, 2) in sincrono avvalendosi di videolezioni.

Didattica a distanza: vantaggi

Abbiamo piano piano imparato a conoscere la didattica a distanza, le sue dinamiche ed i suoi meccanismi e ad apprezzarne taluni vantaggi. In primis, in questo periodo storico particolare caratterizzato dalla chiusura delle scuole, ha consentito di non restare fermi.

Da un punto di vista organizzativo elimina la necessità di spostamento facendo così risparmiare tempo, garantisce maggiore flessibilità, soprattutto nella gestione delle attività asincrone e quindi la possibilità di conciliare impegni differenti.

Da un punto di vista didattico ha garantito continuità al percorso scolastico, ha reso possibile il continuare ad alimentare, seppur con forme diverse, curiosità ed entusiasmo negli alunni ed ha permesso di esercitare competenze importanti quali quelle digitali, di iniziativa e quelle legate all’imparare ad imparare (in talune situazioni i bambini ed i ragazzi sono diventati responsabili del loro apprendimento e del loro lavoro identificando punti di fragilità su cui lavorare).

Da un punto di vista umano  ha permesso ai bambini soprattutto, ma anche ai ragazzi più grandi, di mantenere una stabilità garante del senso di appartenenza e legame. Ha consentito di sperimentare nuove forme di condivisione: i docenti sono entrati nelle case degli alunni ed hanno condiviso pezzi della loro vita. Ha consentito di definire nuove alleanze con le famiglie e trovare livelli di discussione e confronto differenti. Le famiglie hanno avuto inoltre occasione di vedere i propri figli con un’ottica differente rivalutando punti di forza e debolezza.

Didattica a distanza: svantaggi

La didattica a distanza presenta tutta una serie di fragilità che è bene tenere presente.

Da un punto di vista educativo innanzitutto, con la didattica a distanza, si va ad impoverire significativamente l’interazione tra alunni e figure di riferimento soprattutto nelle modalità asincrone. Anche nelle modalità sincrona online vengono meno alcuni elementi importanti legati in particolare alla gestualità ed al linguaggio del corpo…espressioni e sfaccettature che fanno la differenza ed incidono significativamente su attenzione e concentrazione.
Anche la risorsa rapporto tra pari viene depotenziata…è necessario pensare ed importare bene la didattica perché scambi di idee e confronti possano essere effettivamente essere possibili ed efficaci.

Da un punto di vista organizzativo non devono essere sottovalutati alcuni aspetti quali  la scarsa dimestichezza con la tecnologia di alcuni docenti, alunni e famiglie, la mancanza in alcune realtà di mezzi e supporti, la difficoltà nell’eseguire prove pratiche, verifiche, interrogazioni o test. Infine, in questo momento storico soprattutto, non si possono dimenticare le fatiche vissute da alcune famiglie chiamate a conciliare gli impegni della didattica a distanza con la gestione del lavoro in presenza o online e l’organizzazione di casa e nucleo familiare.

E voi come avete vissuto la D.a.D?

Psicologa psicoterapeuta a Concorezzo e Milano: consulenza, sostegno psicologico e terapia per bambini, adolescenti ed adulti
Psicologa psicoterapeuta a Concorezzo e Milano: consulenza, sostegno psicologico e terapia

Altri spunti di riflessione a questo link

Lascia un commento